lunedì 16 novembre 2009

Torta di tapioca e cocco


Sono riuscita a portare nella mia valigia 2kg di farina di tapioca. Sapevo perfettamente che è vietato portare qualsiasi tipo di prodotto alimentare dall'estero, ma chi se ne frega! All'arrivo nell'aeroporto di Catania hanno fatto passare tutte le valigie che provenivano dai paesi al di fuori dell'UE nel raggio x. Oddio... per poco non hanno sequestrato tutto il mio mangiare. Meno male che la poliziotta è stata "carina" e ci ha lasciato passare con la promessa che non lo faremo mai più :-D.

La tapioca è una fecola derivata dal tubero della manioca o cassava, una pianta originaria dell'America del Sud. La tapioca si può usare come la farina dei cereali. Una volta cotti i fiocchi diventano trasparenti, assumendo una consistenza gelatinosa. Qui in Italia ancora non avevo trovato la tapioca brasiliana, ma soltanto quella cinese, che sono delle palline piccole. Ma non mi sono fidata. Per me l'unica e vera tapioca è questa qui della foto.


Ci sono molte variazioni della farina di tapioca. Alcune più spesse (come questa che ho utilizzato) e altre molto fini, che in verità servono per fare altri piatti. Un'altra variazione della tapioca è la fecola (polvilho), che viene utilizzata nel preparo del "pao de queijo".

Questa torta ha quasi la consistenza di un budino. Infatti, in portoghese, è anche chiamata "pudim de tapioca".



Ingredienti:

01 tazza e mezza di latte
200ml di latte di cocco
1 tazza di farina di tapioca
01 cucchiaio di burro
04 uova
01 barattolo di latte condensato

Zucchero caramellato:
01 tazza di zucchero
1/2 tazza di acqua

Per guarnire:
Cocco fresco grattugiato


Bagnare con acqua fredda una piccola casseruola d’acciaio inossidabile, metterci lo zucchero e versarci sopra mezza tazza d’acqua calda e porre sul fuoco lasciando cuocere a fiamma molto bassa finché lo zucchero risulterà completamente sciolto e color oro. Caramellare uno stampo per ciambelle (19cm di diametro) e mettere da parte.

Riscaldare il latte e il latte di cocco e metterci a bagno la tapioca per circa 1 ora. Frullare il burro, le uova e il latte condensato e mescolare con il preparato di tapioca. Versare nello stampo caramellato e far cuocere a bagnomaria in forno preriscaldato a 180ºC, per circa 1 ora. Sformare la torta, coprire con il cocco grattugiato e servirla fredda.

4 commenti:

Micaela

che bella ricetta! ma la tapioca dove la trovo?

ilcucchiaiodoro

Davvero fantastica,io l'ho sempre vista la tapioca ma non sapevo che si potesse fare,ma ora che lo so magari provo la tua ricetta che mi sembra davvero deliziosa!

Adriana

Oi muito prazer... verdadeiramente queriao pegar sua comida? Acho estranho pq minha mae sempre levou um monte de coisas e nunca disserao nada... uma vez ela atè conseguiu trazer dois cocos verdes e a ultima vez manga :o)!!! Talvez aqui em Roma estao mais acostumados.
Mais q falta de educaçao... neim me apresentei!
Meu nome è Adriana, italobrasileira! Nasci aqui, de pai italiano e mae brasileira... morei no Brasil seis anos e daqui minha capacidade de comunicar em italiano e portugues (nao presto muito escrevendo mais juro q falo melhor rsrs)!
Achei seu blog pq estavo teimando com minha mae q cajuzinho nao leva leite condensado e procurando uma receita vim parar aqui!Gostei muito... tem cada receita brasileira q DA AGUA NA BOCA ;o)!Como esse bolo de tapioca... ai q vontade louca!!!
Aproveito tb para te fazer uma pergunta... vc acha q brigadeiro/beijinho/cajuzinho podem ficar ums 3/4 dias sem estragar?
Vou partecipar a este "amigo oculto":http://lamuccasbronza.blogspot.com/2009/11/natale-2009-che-ne-dite-swappiamo-anche.html e nao sendo uma boa cozinheira vou jogar a carta dos doces internacional :)... facil de fazer mais de efeito pq nao conhecido ;o)!!! So q estou com duvida se vao aguentar a viajem... sabe me dizer? Invlusive tinha pensado de fazer pao de queijo mais ja o dia depois nao presta mais... imagine depois de uma viajem.
Bom desculpe pela entromisao... vou ficar seguindo seu blog pq gostei muito... bjs Adry.

Patricia

Oi Adriana, que bom que voce gostou do blog e das receitas. Como vc nao deixou nenhum link para eu te responder e teu perfil nao è publico, te respondo aqui. Bem, nao sei se os doces duram esse tempo todo, principalmente o beijinho. Se voce usar coco fresco ele vai azedar. Como nao tà frio pode ser que durem esses quatro dias, mas nao garanto nada. Sempre coloquei os docinhos na geladeira. Mas como vc vai envià-los pelo correio? Eu aconselharia algo mais durinho (como bombons ou trufas), porque balançando numa caixa e se estiverem num lugar quente, vao se deformar.
Conheço esse amigo oculto, mas nao participo. Quem sabe no proximo ano!
Beijao,
pati

il cucchiaio di legno   © 2008. Template Recipes by Emporium Digital

TOP